martedì 30 aprile 2013

diario di una dislessica

Da piccola ho avuto grosse difficoltà  nel cominciare a leggere e scrivere.Cominciai, con un paterno sospiro di sollievo, a decrifrare  tutti quei segni solo in terza elementare, su di una tavola da stiro bruciacchiata, ma ancora oggi, tendo ad invertire cifre e lettere e a scrivere prima quelli successivi e poi quelli precedenti. Faccio qualche volta le erre col sedere e le Q con la pancia. Intendo non i miei ,eh?Per anni, quando leggevo Topolino, anzichè leggere la parola "aiuto", frequentemente pronunciata dai vari personaggi, ho letto "auto" e voi capirete quanto quest'improvvisa esclamazione automobilistica mi gettassse nel caos  nel comprendere le storie.

lunedì 22 aprile 2013

donne al gioco delle sedie.

Immagino che sia un processo ineluttabile, man mano che si vive, la dolorosa trasformazione delle iniziali convinzioni o credenze in domande senza risposta. La faccenda è sconcertante  davvero, soprattutto perchè accade l'esatto inverso di quello che ci si aspetta da giovani, ossia non si sviluppano certezze tramite l'esperienza, ma solo nuove domande, al punto che si diventa una confusa  selva di punti interrogativi.
Quando fu messo in piedi il "governo tecnico" di Monti, questo Monti apparve come uomo schivo e pragmaticamente disponibile solo a salvare il salvabile per poi ritirarsi dignitosamente . Lui stesso confermava a parole questa immagine.In seguito, come tutti abbiamo visto , anzichè abbandonare precipitosamente la sporca politica, ha affrontato la campagna elettorale col piglio determinato dell'uomo ormai di potere che ci tiene molto alla poltrona. Per carità, è stato molto goffo in questa parte, ma non ha rinunciato a nessuna delle più subdole tecniche di imbonimento elettorale, comprese le carezze al cane.
Il divario tra parole dette e fatti accaduti è impressionante; lo stesso Bersani ha accettato il mandato per formare un governo pur sapendo  dello stato di  litigiosa dissipazione insito nel suo partito. Non sono una fine analista politica, anzi diciamo  che essendo affetta da orticaria politica mi limito a chiedere con cautela  ai criceti di casa se sanno qualcosa di nuovo circa il futuro del governo ed ottengo sempre risposte vaghe ed interessate che mi confondono(mai come quelle ottenute dai giornalisti, per quello chiedo ai criceti che sono relativamente più affidabili ed informati).
Eppure persino io avevo capito che il PD ha dei problemi al suo interno ed all'esterno: quando vedevo il Bersani o il Crozza (non so distinguerli ed i criceti a quell'ora dormono) e , peggio,lo  sentivo parlare per non dire nulla di giaguari, di bambole da pettinare e di cose che bisogna , occorre  fare, dire, baciare, lettera e sentimento, bè persino io , dicevo, ne sospettavo acutamente l'incapacità strutturale, che è una parola ottima in questo contesto.
Sino a questi ultimi fatti sono stata calma e perplessa a cercare di far scendere dalla ruota i lavativi criceti, ma  dopo che quella giornalista di report, indicata a gran voce dai grillini come candidata a presidente della repubblica, della quale al momento per i nervi non ricordo il nome, ha dichiarato arrossendo "mi sopravvalutate"e ha rinunciato all'incarico, allora un  mio violento rigurgito acido  ha corroso il telecomando.Del fumo muriatico mi esce dal naso ancora. Se lo avessero chiesto a me avrei accettato immediatamente, non solo per il lurido motivo di migliorare la mia condizione economicosociale,ma anche perchè, con l'aiuto dei criceti, ho il sospetto che avrei potuto tentare di meglio per il paese, volere di meglio, desiderare di fare del mio meglio di molti altri che vedo e che ho visto. Visto che negli ultimi dannati trenta anni ho sinora visto solo il gioco delle sedie in Parlamento, mentre il mio paese lentamente affondava.Allora relativamente io credo di essere in grado di tentare qualcosa di diverso, almeno nel breve momento in cui riuscirei a rimanere incorrotta da quell'ambiente, prima di essere incantata anche io dal gioco delle sedie. La giornalista suddetta, senz'altro più praparata, colta , intelligente ed informata e ,via, anche più bella di me, questa benedetta donna che perlomeno è un pò più fresca di Napolitano o usa un antirughe migliore, questa donna che sarebbe stata nuova, diversa, per il  solo semplice fatto che da piccolina l'hanno informata di essere nata femmina, inferiore ed incapace e le hanno raccontato le favole delle belle addormentate e delle belle cretine, questa donna indicata dal partito numericamente  più forte e momentaneamente ancora solo  limitatamente corrotto dal sistema,come miglior candidata ad un ruolo che potrebbe aiutare questo parto difficile del Cambiamento, ebbene questa donna ha detto arrossendo "oh ma voi mi sopravvalutate". E ha rifiutato.Ha rifiutato conoscendo perfettamente  da anni , per via della  sua professione , quale sia il Nemico, le sue armi e le sue strategie. Indica da anni i responsabili e si tira indietro quando le viene offerto un ruolo attivo per cambiare e combattere il Nemico.Ha incarnato, rispondendo così , l'Eterna Grande Sconfitta della femmina.
Qualsiasi omuncolo ben più corrotto ignorante  ed incapace, qualsiasi  pensionato millantatore che parla solo in dialetto e ruba fiori al cimitero, che per noia visita i tombini scoperti della sua città si sarebbe sentito  gratificato e capace di tentare ed avrebbe accettato gonfio di  autostima strofinandosi le mani. Lei no.Perchè  è una donna che di Umiltà  fa Virtù...e la sua intelligenza è un'aggravante.Ne ho viste tante di donne così, tremule  d'insicurezza, nonostante talento da vendere. Tremebonde di dubbiosa sottomissione. Strumentalizzate e piangenti come la Fornero di lacrime tiranniche in imprese fallimentari, che solo ad una donna si possono rinfacciare.Carenti di ormoni.
Forse la signora report  si vanterà tutta la vita di essere stata indicata da chi rappresenta il 25 % degli italiani come miglior candidato a presidente della Repubblica, lo racconterà ai nipotini. Camminerà per le strade e la gente la indicherà come"la ragazza  scampata presidentessa" o  come l'ennesima persona che ha girato le spalle  al fare, al tentare, al rischio di sbagliare in buona fede,senza corruzione ed è tornata al suo mondo di chiacchere, polemiche ed accuse. Ora c'è di nuovo Napolitano, il quale pure aveva detto di non voler più fare il Presidente, come Bersani avrebbe dovuto formare il Governo e Monti ritirarsi dalla politica.Come questi anche Napolitano si è smentito subito, con una lacrima di commozione ed grottesco ruolo di dimissionario e neo eletto al contempo. Si è allenato a stringersi la mano da solo, in un contorcimento e stiracchiamento della Costituzione  che i fachiri ci invidiano. Contorcimenti solo  da italiani.
Mi prendo un antiacido.Quale ennesima femminile occasione perduta.Buttata via.

mercoledì 17 aprile 2013

Yogurt fatto in casa

Nell'ambito della mia disperata ricerca di qualcosa di buono da mangiare e veloce da preparare sono incappata nell'abitudine di fare lo yougurt per il mio compagno, sofferente di stomaco da sempre.
Il fatto che ci riesca costituisce una garanzia di successo anche per la persona più pigra , ma dovete fare il piccolo sforzo( circa 20, 25 Euro) di comprarvi una yogurtiera.Senza yogurtiera lo yogurt si abbandona al proprio umore; se gli va  viene, se no  dovrete buttar via  via una massa  filamentosa poco incoraggiante.
 Questo accade per la temperatura, la quale se non è del tutto costante, inficia il risultato.
In "Lessico familiare " la Ginzburg racconta come suo padre, microbiologo, faceva tutte le sere lo yogurt ,avvolgendo il latte tiepido nei vasetti con un panno di lana.

sabato 6 aprile 2013

L'amore telescopico

Cosa è cambiato dai tempi dei miei avi?Noi crediamo che sia cambiato tutto, in realtà sono cambiate solo alcune condizioni e penso solo a quelle che la massa può toccare con mano, quindi non allo sbarco sulla Luna. Gli antibiotici e le vaccinazioni hanno oggettivamente mutato l'impermanenza di una certa parte  di umanità, la più ricca ; la produzione industriale di massa, gli anticoncezionali e la cosidetta libertà sessuale, il telefono, la radio,sono state novità che hanno cambiato un pò  il nostro modo di pensare all'esistenza ed agli altri, talvolta con effetti collaterali che hanno fatto regredire importanti precedenti conquiste umane e morali.
Avvenimenti che in passato venivano considerati regali ora sono ritenuti diritti inalienabili, come la procreazione, la vecchiaia, la salute.Gli uomini si sono svincolati maggiormente dalle loro responsabilità, un fenomeno simile alle nuove automobili iper sicure  che incentivano   una guida dissennata.

Al semplice occhio di due, tre  generazioni questi appaiono cambiamenti immensi, ma tentando un'osservazione di  più ampio respiro, diciamo allungando lo sguardo a duemila anni indietro ed avanti, questi cambiamenti rischiano di apparire alla stregua  dell'uso delle alte parrucche bianche del 700.
Ok oggi andiamo in giro parlando in curiosi apparecchi dai quali sembra dipendere la nostra vita, visto che diamo più retta a loro che a persone in carne ed ossa che incontriamo.Magari quella persona non la vedevamo da anni. Ma siamo impegnati in altre conversazioni. Diamo più peso affettivo  alla fidanzata che vive in Australia che alla vecchia zia che vediamo  tutti i giorni decadere di acciacchi  sul pianerottolo di fronte. Certo, la fidanzata ci stimola di più la fantasia.
 Dickens , che sapeva guardare lontano, fu il primo a descrivere la filantropia telescopica in "Casa Desolata" Una signora  qui protagonista trascorre le giornate  a corrispondere con l'Africa per scopi filantropici ,intanto i suoi figli crescono nel totale abbandono. Oggi il concetto si estende anche all'affettività L'affettività è telescopica; da lontano è meno sgradevole amare ed impegnarsi per qualcuno. Non si sente la puzza di piedi e la libertà personale risulta intonsa perchè non si può andare a far le notti in ospedale se l'amato è ricoverato in un altro continente. Gli facciamo un sms o qualche squillo, ecco.
Nonostante certi atteggiamenti siano cambiati, la sostanza è rimasta uguale : le condizioni   e le reazioni umane si ripresentano immutate come correnti oceaniche, come maree, perchè prevalgono sempre l'avidità, la golosità, la sopraffazione e poi la ribellione, gli ideali elevati a stendardi, il tendere verso una moralità ed equilibrio che siamo ancora però lontani dal realizzare costantemente. Rivoluzione e resaturazione, la fattoria degli animali si ripresentano ciclicamente, corrodendo le nostre sponde, ed è per questo motivo, credo , che la vita eterna non esiste.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...