mercoledì 26 settembre 2012

La miss é lei!!! Sic, delle distorsioni della mente


Ogni tanto i ricordi mi perseguitano. Stamattina , osservando allo specchio il mio incalzante smantellamento, mi è tornato alla mente questo episodio penoso, davvero penoso. Siccome la vecchiaia è un processo di espiazione, raccontandolo assolvo a questo compito.

lunedì 24 settembre 2012

nota sulla parola SESSO

Il post pre- precedente  (scusate il garbuglio)ha totalizzato il più alto numero di visite  nel minor tempo possibile dalla nascita del blog, immagino poichè conteneva la parola "sesso" Un sacco di gente c'è rimasta malissimo leggendo il contenuto, mi dispiace un pochino , ma lo trovo divertente Farò altri esperimenti in merito.
Potrei ad esempio scrivere  su "sesso ed esistenzialismo" " sesso e conti domestici" "meteo e sesso" , "ricetta della bavarese e sesso"ecc e poi dare il contentino buttando qua e là la parola sesso in mezzo ai discorsi che intendo fare.Sarebbe utile creare   una rubrica  sulla rabdomanzia col pene, anzichè la classica bacchetta  biforcuta. Intervistare gente che segue le proprie vibrazioni. Approfondimenti, con rispetto parlando , sulla abitudini sessuali di chiunque . Ho visto quel programma  del dott. Sex su Sky che  ho trovato  effettivamente molto utile,anche se non sono un adolescente,come anche quell'altro che mostra orride, contagiose  malattie della pelle  spesso di origine venerea che si chiama "malattie imbarazzanti". Però  mi ha messo un pò d'insonnia, perchè fanno vedere certe cose all'improvviso , magari mentre sto contando i punti di un lavoro a maglia.
Anzichè dire "bla bla"  o cioè si dovrebbe dire "sesso sesso".  Perchè non sostituire tutti  i termini colloquiali interlocutori tipo cioè, dunque, insomma con la parola sesso?
Suggerirei quasto sistema anche alle testate giornalistiche, utilizzando anche foto, per esempio sull'ultimo intervento di Napolitano ci metterei la foto di Belen nuda. Dite :"Che c'entra?" Ok non c'entra in via diretta, ma è meglio suscitare l'interesse che la coerenza, no? E sicuramente Belen sta anche nei sogni segreti del Presidente, non è una bella cosa che accumuna tutti?Insomma non susciterebbe la violenza che suscitano certe vignette. Uhmm. Sex and Peace. Per Love and Peace , ammettiamolo, saremo pronti più avanti, intanto è meglio cominciare dalla parte del sesso.

venerdì 21 settembre 2012

l'elasticità perduta


Avete mai notato quanto sono morbidi ed elastici i cuccioli di ogni tipo, di uomo, di cane , di gatto, di tigre, di topo? Li vogliamo toccare e coccolare per questo, alla ricerca dell'elasticità perduta.

lunedì 17 settembre 2012

pubblicità pro-sesso

Penso che tra poco verrà istituzionalizzata e defiscalizzata , pur lasciandole quel minimo margine di pruderie implicita utile ad eccitare gli animi. All'uopo, appunto.
Non c'è nulla di male nel divertimento privo di coercizione, di qualsiasi tipo  sia, quindi non credo di essere motivata da profonde inibizioni o moralismi , nello scrivere di questo.
Qualsiasi rivista femminile,  indirizzata  ossia ad un pubblico femminile, riporta  almeno un articolo su come essere più belle, desiderabili , seduttive,glamour, ovviamente, allo scopo  di incentivare le proprie attrattività  ed attività sessuale Sulla pagina di libero e di yahoo ogni giorno ci sono articoletti densi di particolari su come farlo impazzire a letto.Il luogo dove si trova il punto G è ampiamente investigato.

domenica 16 settembre 2012

Da " Il primo gradino" di Tolstoj

"Invece, come la prima tappa della vita morale è l'astinenza dai
piaceri materiali, così la prima tappa dell'astinenza è il digiuno. Si
può desiderare di essere buoni, illudersi di operare il bene, senza
digiunare; ma in realtà è come pretendere di camminare, senza prima
essersi alzati in piedi.
La ghiottoneria, al contrario, è il primo segno di una vita immorale
e purtroppo un segno assai diffuso fra gli uomini della nostra epoca.
Osservate i volti e i corpi degli uomini dei nostri giorni, nella nostra
società: i doppi menti, le gote cascanti, le membra obese, l'addome
prominente sono eloquenti manifestazioni di una vita dissoluta...."

"Guardate la vita dei ricchi, ascoltate le loro conversazioni.
Che argomenti elevati! Filosofia, scienza, arte, poesia e la questione
dell'equa ripartizione delle ricchezze e l'elevazione del popolo e
l'educazione dei giovani. Ma in realtà per i più si tratta di una menzogna.
Tutto ciò non li occupa che di passaggio, fra un pasto e l'altro,
quando lo stomaco è pieno e non è più possibile continuare a mangiare.
L'unico vero interesse di uomini e donne, specie non più giovani, è
mangiare. Come mangiare? Che cosa mangiare? Quando? Dove?
Non c'è una solennità, un avvenimento gioioso, una inaugurazione,
che trascorra senza un banchetto....."
"La soddisfazione dei bisogni ha dei limiti, il piacere non ne ha. Per
soddisfare la fame, basta il pane, la polenta, il riso; ma per soddisfare
la gola non c'è limite agli intingoli e agli ingredienti. Il pane scuro è
un nutrimento necessario e sufficiente e la prova ne è che milioni di
uomini forti, snelli, sani e che fanno lavori pesanti, vivono quasi
esclusivamente di esso....."
"Non vi è fetore, al quale l'olfatto non finisca per abituarsi, non vi è rumore, al quale l'udito
non possa assuefarsi, né mostruosità che l'uomo non abbia imparato
a considerare con indifferenza. Così che egli non rileva più ciò che
colpisce, invece, chi non vi è ancora abituato.
Lo stesso avviene nel campo morale.
Ho visitato ultimamente il macello pubblico della nostra città di
Tula. È stato costruito, come in tutte le grandi città, secondo l'ultimo
modello perfezionato, in modo che gli animali, che vi si uccidono,
soffrano il meno possibile.
Già da diverso tempo in seguito alla lettura del bellissimo librò
«Ethics of Diet», desideravo visitare i macelli, per constatare de visu
il nocciolo del problema dell'alimentazione vegetariana; ma io avvertivo
sempre quella specie di ripugnanza, che si prova, quando si sa di
dover assistere ad una sofferenza, che certamente avrà luogo, e che
ci sarà impossibile impedire. E rimandavo la visita.
Ma poco tempo fa incontrai per strada un macellaio, che andava a
Tula. Era ancora un apprendista e la sua mansione consisteva nel
dare il colpo con il coltello. Gli domandai se non aveva compassione
della bestia, che si apprestava a colpire. « Perché averne pietà? – mi
rispose – È necessario farlo ». Ma quando gli spiegai che non è affatto
necessario mangiar carne e che essa è un cibo di lusso, egli convenne
che infatti è una cosa crudele....."

martedì 4 settembre 2012

alta prestazione e autodeterminazione

Dicono che Steve Jobs si sia già reincarnato... in un trentacinquenne guru con schiere di servitori.Se fosse  così chissà quali trame sta ordendo, quali  nuove tecnologie, quali guadagni e relativi sfruttamenti. Il lupo perde il pelo...
Ed io vivo nell'incertezza finchè me lo posso permettere, ossia finchè non sono costretta a prendere una decisione ben sapendo che potrebbe essere clamorosamente sbagliata.
Mi piacerebbe spiegare perchè nutro sospetti verso la "filosofia  Jobs", 
Per mettere a tacere le malelingue,potrei ammettere subito che una motivazione risiede nel fatto che so di non essere un tipo dalle alte prestazioni   in genere.Sarebbe sufficiente questo, trattandosi di invidia.
Può essere, ma preferisco credere di essere migliore. Che diamine, un minimo di amor proprio...
Poichè  quindi aspiro  ad allevare sentimenti più nobili, ho trovato una elucubrazione filosofica che  sostiene il mio dubbio sulla società dell'alta prestazione e dell'autodeterminazione  auspicata da Jobs.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...