sabato 28 luglio 2012

Ricette del cavolo -la cucina dal vero

Il camionista di Bresso originario di Pescara cucina i supplì di riso

Come tutti i camionisti è alto e corpulento, come un TIR, il suo nome al baracchino è"OLIVETE!!!" tipica esclamazione abruzzese che serve ad indurre lo sgombero del piano viario.Il camionista ha modi gentili e rispettosi, timorati. La voce è bassa e rauca.
Esordisce:-Mia moglie ieri mi ha cucinato "il risotto di ieri", era bbbooono, sò buone ste ricette!!Ma è avanzato-mostra in un piatto il risotto di ieri che ora è diventato davvero di ieri e continua:- Così io oggi preparo i supplì di riso,lei è andata al cinema, stava nervosa e ci ho detto: vai al cinema con le amiche, ti accompagno io e lu citile (il bimbo ndr) lo metto a letto ioAHHHHH che brav'uomo che sono, chissà che dopo che si è distratta con le amiche ci abbiamo un pò di intimità...- Ora tace contegnoso, arrossendo.
Per fare i supplì ci vogliono i seguenti ingredienti: riso dell'altroieri, anche postdatato,mozzarella mozzata a dadini, pane grattato  al vicino di casa ( si rischia meno), uovo senza guscio sbattuto in un piatto ( che brutta fine che fan sempre le uova...), fuoco, padella olio, farina da qualsiasi sacco.
Procedimento: cone le mani  indurre il riso a forma rotondeggiante, ellittica, insomma tipo uovo col guscio o uomo privato di libera iniziativa. -Inserire quindi ,con rispetto parlando, (il camionista ha di nuovo un moto di turbamento) un dadino di mozzarella senza sfasciare la struttura.- Il nostro amico fatica non poco, avendo dita come salsiccie inserire il dadino non gli risulta semplice. E' sempre più scosso.
Poi passate  i supplì nella farina e pucciate nell'uovo sbattuto.
Il camionista è completamente imbrattato e agita i suoi ditoni verso la telecamera, la cucina Berloni è un campo di battaglia (chi pulirà dopo?), il bambino Giacomo zampetta  farina per tutta casa.
Il nostro cuoco mantiene un atteggiamento dedito e concentrato-Ppoi ripucciate nel pane grattato e friggeteli in abbondante olio, vi supplicheranno di farne ancora!-

ricette del cavolo- la cucina dal vero


 L'imprenditrice imprendibile cucina il "Blog di pasta al sangue"


E' sul tipo Marina Salomon , ma lei si chiama Salmona Montanara. Ha il cerchietto e , come la collega più famosa, ha fretta, ma vuol cucinare a tutti i costi la pastasciutta per i figli Grifone e Merlo prima che si mangino fra loro come Lupi.La colf oggi non c'è :Maledetton l'ha confiscata dopo l'augusto divorzio.
Salmona mette una pentola sul fuoco, piccola per fare prima. Ansima , deve tornare al lavoro, ma ci tiene a mostrare quanto adori i figlioletti. E' orribilmente dilaniata da questo conflitto di interessi. Butta la pasta prima che l'acqua senza sale  bolla, troppa pasta in troppa poca acqua ed intanto apparecchia la tavola, redarguisce i figli e fa una telefonata di lavoro. Nella pentola intanto  si forma un ammasso appicicaticcio e la parte di pasta emersa non si cuoce. La pasta vien poi scolata in blocco unico, ma l'abile Salmona ha dimenticato il burro e mentre lo taglia e lo mette nei piatti la pasta si raffredda. Con la pasta ormai gelida il burro non si scioglie e la cementificazione si completa  con l'aggiunta del parmigiano grattuggiato  sul momento insieme ad una falangetta della Salmona. La fretta!!!! La donna appare un momento delusa dal risultato, poi, osservando il piacevole effetto cromatico del rosso del suo sangue sul  cucuzzolo della  solida montagna di pasta si riprende e fa un bel sorriso alla telecamera:-SI'. carriera e figli si possono conciliare!!- Ha dimenticato il sale.


 Per contro: "Il risotto di ieri e le gioie della famiglia"



C'è una donna magra, evidentemente tesa, vestita alla moda, la cucina è di tipo Berloni, bella moderna. Propone il "risotto di ieri".-Ehhhsì, questi si lamentano sempre accidenti, non va mai bene niente, eh?-"Che hai preparato mamma di bello oggi?Eh?" e si aspettano sempre chissà cosa, infatti poi piantano lì tutto ed io sto qua a farmi un mazzo dalla mattina alla sera, ad occuparmi di tutto e loro mi hanno scambiata per la cameriera..- Intanto le sue abili mani, mostra la telecamera, stanno approntando un risotto alla "Gualtiero Marchesi con la sfoglia d'oro". Con disinvoltura, lei continua:-Ho chiamato il pediatra oggi che Giacomo sta male di nuovo e sapete che mi ha detto?? Che sono ansiosa! Che il bambino non ha niente, che vuole attenzioni, che gli comunico la mia agitazione!!-(affetta le cipolle come un samurai)-Questi maledetti pediatri (prende al volo il piattino che stava cadendo in terra)-sanno tutto loro e noi mamme non capiamo un c.. e il ginecologo mi dice  di tornare a letto col marito, ma se sono cinque giorni che non dormo  come faccio a mettermi la giarrettiera, che sennò, dice lui ,più passa il tempo e più mi passa la voglia  e lui mi cornifica, ma lo credo!!Chi vuole rischiare di farne un altro che non ti fa dormire per tre anni!! E' che questi maschi sono tribù di arrapati IMPENITENTI  AHHHHHH se lo avessi saputo prima!!! E lava e stira e cucina e fai la spesa e vai alle riunioni, e il bilancio e le bollette, la raccolta differenziata, feste, battesimi e vestitini, malattie e pediatri, notti insonni per la tosse il catarro il raffreddore e l'insonnia fisiologica dei bambini e le vomitate sul parquet e il ricamo sul grembiulino per l'asilo al quale non va mai!!!Sono stanca??NOOOOO- straluna gli occhi, raschiando via il make up mostra occhiaie inguinali. -NOO, non sono stanca,Devo essere fresca e carina altrimenti qui mi si deprimono pure e mi dichiarano pazza e ingrata. E la multa e la  quota della piscina, il certificato medico e l'otite conseguente alla piscina e la nonnna in post menopausa  che con la terapia sostitutiva  si comporta da  adolescente...- Sbatte con rabbia il risotto sul fornello. -E se dici che vuoi andare al cinema si crea IL PROBLEMA  della miseria organizzativo che mi stresso di meno a rinunciarci e poi ti chiama la maestra nell'unico giorno che è andato all'asilo e dice che il bambino NON COLLABORA ai lavoretti in classe, e che ne so io? Io son qua. Dico, sarà compito della maestra e invece NO è mio anche quello!!Poi torna a casa il marito alle 8 di sera  e mi chiede "mi ami?" e dice che è stancomorto e si butta sul divano, caccia il figlio che si interpone al televisore e fa lo zapping a volume da ospizio, aspettandosi da me un SACCO di altre cosette. Già perchè io sto a casa tranquilla IO NON HO NIENTE DA FARE!!!Mi annoio!!!Riesce a farmi sentire in colpa!!!!-Ora piange sommessamente  e lacrime  dense come mercurio cadono nella pentola.Poi cerca di frenarsi:- Se qua se ne accorgono crolla tutto!L'ultima volta che ho avuto la febbre erano   tutti sul lettone, nonna compresa , ad aspettare "che me la facessi passare" così dicevano. Sono una cameriera statale , l'unica categoria non retribuita, il posto è fisso e sicuro ma non becchi nulla! E se mi lamento con l'amante quello mi dice "Ma non ti compiangere !!! MA VAFFFAN............!!!!!"
 Va di là, serve in tavola il risotto con la mimosa e i tovagliolini in tinta, tutti si siedono sorridenti  e mangiano mentra la mamma serve in tavola, improvvisamente calma e sorridente, strizza l'occhio alla telecamera. Il risotto di ieri si chiama così in modo che i familiari criticoni si aspettino una schifezza e invece mangino di gusto   stupiti e zitti.

mercoledì 25 luglio 2012

vacanza a Barcellona

Ho pensato di provare a ricavare qualche guadagno da questo  blog pubblicando i racconti dei miei pochissimi viaggi.Se qualcuno, di natura un pò insicura ed ansiosa li leggerà è probabile che rinunci a viaggiare, sebbene al giorno d'oggi ormai sia più conveniente andarsene in qua ed in là per il mondo che starsene a casa. Di conseguenza è possibile che qualche operatore turistico dia qualche emolumento anche a me, oltre che ai metereologi, per  dissuadermi dal pubblicarli. 

martedì 24 luglio 2012

passato stracciato

Ah allora mi hanno invitata in un paesino meraviglioso, per l'inaugurazione di un locale. Siccome dico quasi sempre sì, anche quando non vorrei mai  farlo, ho detto di nuovo sì, pur sapendo che in quel paesino, in una casa a fianco a quel locale, ho vissuto qualche mese della mia vita ed ho molto sofferto.In quel posto di quel paesino  12 anni fa ho vissuto un  dramma, un immenso dolore, del quale molti particolari avevo rimosso per un istinto autoconservativo. Eppure la vicenda in generale la ricordo molto bene, e temevo che andandoci avrei  ricordato odiosi dettagli che il setaccio della mia mente stava archiviando.Il che è stato:
ho lasciato che in quella breve visita, un pò formale perchè le persone che andavo a trovare erano prese dall'ufficialità della situazione, guardando la casa a fianco questi trascorsi mi assalissero d'impeto con la freschezza di quel presente rinnovo. Come di fronte all'aggressione di un cane,mi sono sentita presa a morsi e ho lasciato solo i miei occhi, ritirando in difesa ogni altra parte del mio corpo  dall'assalto. I miei occhi hanno guardato  come telecamere,  ritrasmesso vitrei le immagini di  quelle sconfitte e di quelle ferite, delle fughe e del faticoso  successivo ricostruire.
Mi sono detta  che tutto avrebbe potuto andare bene,  almeno per quella volta , sarebbe stato un grande riscatto,avremmo  potuto essere felici, che le stelle avrebbero potuto creare grandi curve protettive per me . I presupposti superficiali  c'erano, ma  altro passato ancor più remoto aveva predisposto lo sviluppo di quei frangenti diversamente, al peggio. Per logica  ed ineluttabile conseguenza. Prima di ogni evento ve ne sono altri che l'hanno predisposto, influenzato, stabilendone anche gli esiti,  solo per logica , senza grandi psicologismi.
Basterebbe essere più onesti con se stessi, per  saper interpretarla prima e non aver paura della paura.

Auguri per una nascita imminente

La mia vicina di casa sta per avere una bambina e in questi giorni penso a lei spesso , perchè nulla è più meritevole di riflessioni ed auguri che una nuova nascita. Ma cosa si può augurare ad una bambina che nasce?
Nel favola della bella addormentata nel bosco le fate regalavano alla bimba neonata la grazia, la bellezza e il bel canto. Al giorno d'oggi augurandole queste cose  incentiverei solo una nuova ennesima aspirante velina.
Allora cosa altro?
Parliamoci chiaro, la bellezza credo che sia solo una complicazione lusinghiera,  pragamaticamente attrae solo problemi. Una  donna bella non è più amata,  solo  privilegiata da attenzioni del tutto strumentali  ed effimere.Queste attenzioni spesso poi si tramutano in sventure,violenze possessive o figli non voluti, ripetuti rapporti di coppia che nascono come grandi amori e poi decedono  per futili motivi, chessò un rimmel sbavato, una nuova rughetta, la vicina di casa col sedere più sodo, o la semplice stanchezza , perchè la bellezza svanisce agli occhi di chi la vede tutti i giorni.
La donna bella investe tutto  nel suo aspetto, creando un'aspettativa intorno a lei insostenibile negli anni.
La donna bella non gode nemmeno di solidarietà femminili, è lasciata a se stessa , suscita in loro invidie inconsulte e soggezioni negli uomini, che la tengono lontana o se ne appropriano come un oggetto.
Allora io auguro a questa bimba di essere  sanissima ma bruttina, un pò scialbetta ed anonima e di impararae a fare i conti con i suoi difetti, col tempo accettandoli . Imparerà anche a gestire la sua solitudine  sviluppando un pensiero autonomo ed a godere della compagnia degli amici ed amiche. Una donna brutta compie una selezione naturale, allontanando molti rischi e brutti personaggi, perchè sono certa che molti sono  attratti da ciò che vorrebbero e non possono avere, ma nello stesso tempo lo rovinano quando lo trovano negli altri.Amori distruttivi. Meglio stare soli.
Per contro un uomo tranquillo senza ossessioni e manie  competitive  che decida  di relazionarsi con una brutta garantisce più stabilità.Senza sorprese.
Che sia brutta e dolce, ma resistentissima, di carattere.Che sia ironica e decisa. L'intelligenza  che sia congrua alle sue aspirazioni ed alla sua vita quotidiana, deve essere solo un mezzo funzionale atto a farla vivere il meglio possibile, mentre la dolcezza sarà gioia per lei e per chi le vive intorno.Che tenacemente conviva e lotti con le  difficoltà.Che se ne freghi e rida, rida.Che rida sempre. Auguri bimba, mettici tutti nel sacco!

l'ultima cena

Cosa hanno mangiato Gesù e gli apostoli durante l'ultima cena? Nulla. Il cameriere ogni tanto  veniva in sala da loro e chiedeva : "Siete A-POSTO-LI?" e tutti rispondevano :"Sì!"
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...